Qualità e Tradizione

La particolarità dei taralli bolliti sta nella loro particolare croccantezza. E' una ricetta interamente pugliese e i taralli vengono ancora fatti dalle nostre nonne in campagna, nei forni a legna. Le pizzerie e i ristoranti li offrono come stuzzichini e ben legano con vino bianco e piatti a base di olio di oliva (extravergine, sia beninteso!) che sono ingredienti stessi dei tarallucci.

La Ricetta Tradizionale

Ingredienti: Un chilo di farina; 200 grammi di olio extravergine di oliva; sale, pepe e vino bianco secco q.b. Semi di finocchietto selvatico, oppure peperoncino (per chi li gradisce).

Procedimento: Stendere la farina a corona, mettere al centro il sale, il finocchietto (o il pepeproncino), l'olio caldo e impastare con il vino bianco. Lavorare e lasciare riposare l'impasto per mezz'ora. Tagliare a tocchetti. Stendere l'impasto, formare dei piccoli taralli (anelli di pasta) da far bollire in acqua salata. Saranno scottati al punto giusto quando un volta immersi nell'acqua che bolle, verranno da soli a galla. Adagiarli quindi su un panno asciutto e cuocere al forno (moderato) per circa mezz'ora. La particolarità dei taralli bolliti.

Credits | Mappa del sito | Lavora con noi | Privacy

Copyright © 2005 - Tentazioni Pugliesi sas - Tutti i diritti riservati